.

.

venerdì 28 febbraio 2014

la weltanschauung dell'uomo di sinistra

La weltanschauung (bisogna usare il termine appropriato, seppure evidentemente obsoleto) dell’elettore di sinistra italiano è sottoposta negli ultimi giorni a un trattamento tipo montagne russe.
Laddove l’aggettivo non va collegato alla vecchia Russia, ma proprio al luna-park. In rapidissima sequenza ha dovuto prendere atto che l’imprenditore che delocalizza non va colpevolizzato, anzi va fatto ministro, che il relatore del lodo Alfano può ancora tornare utile alla giustizia, che essere inquisiti per uso disinvolto di fondi pubblici non impedisce di contribuire alla causa dell’innovazione. 
Al confronto la traversata del deserto del secolo passato fu una passeggiata.

Nessun commento:

Posta un commento