.

.

martedì 13 maggio 2014

I miracoli della campagna elettorale



Ogni campagna elettorale in Italia è tradizionalmente tempo di miracoli. Durante le campagne elettorali sono state realizzate le più grandi opere, sono stati risolti i problemi più importanti e
si sono trovati i migliori lavori. Qualcuno durante la campagna elettorale è riuscito anche a debellare il cancro. Ma questa volta si annuncia un miracolo destinato a superare tutti i precedenti. Dopo avere appurato con ferma  e indiscutibile certezza che i giornalisti sono tutti morti, Grillo parlerà con uno di loro.
Affinché l’eccezionale evento abbia il risalto che merita, il comico-politico-medium ha scelto come luogo di esibizione la tomba più prestigiosa della RAI e qui dialogherà non con morti qualsiasi, ma col morto che può vantare share tra i più alti della storia. Colui cioè del quale in un’altra vita (un’altra vita?) fu la spalla occasionale. Non si sa ancora di cosa esattamente dialogheranno, se di argomenti attinenti ai vivi o ai morti, oppure più semplicemente del nulla eterno.
In compenso, è facile prevedere che l’evento incollerà al video un pubblico notevole. Oltre alle persone normali ci saranno anche tutti i professionisti del settore (maghi, illusionisti, santoni…), desiderosi di capire quali possano essere le future frontiere della politica. Seguirà una puntata speciale di Voyager, a beneficio di chi soffre di insonnia o di chi dopo la serie di prolungati primi piani faticherà a prendere sonno, nonché di coloro che si sono sintonizzati su raiuno a esperimento iniziato e vogliono essere certi di aver capito bene chi era il vivo e chi il morto. 

Nessun commento:

Posta un commento