.

.

domenica 25 maggio 2014

La profezia di Montanelli



Quando nel lontano ’76 Montanelli annunciò che bisognava votare turandosi il naso pensava di riferirsi al contesto politico dell’epoca. Probabilmente immaginava che fin dalle elezioni successive
ci si sarebbe recati alle urne se non respirando a pieni polmoni, almeno con le vie respiratorie libere. Invece, senza saperlo, stava facendo una profezia, stava indicando la strada che l’elettore italiano sarebbe stato destinato a percorrere negli anni successivi. Turarsi il naso era solo la prima tappa. In seguito gli sarebbe toccato anche tapparsi gli orecchi e chiudere gli occhi. E chissà che in futuro non gli tocchi pure altro.

Nessun commento:

Posta un commento