.

.

sabato 10 maggio 2014

Lourdes a Cinque Stelle



Grillo è inattaccabile come è inattaccabile la Madonna di Lourdes o la Madonna di Fatima. Non che faccia miracoli, questo no, per il momento li promette soltanto,
ma il modello che ha costruito somiglia molto a quello dei grandi luoghi del miracolo, per i quali vale il seguente assioma: se il pellegrino torna guarito, c’è stato il miracolo; se invece durante il viaggio ha un incidente stradale e muore o rimane paralizzato, si è trattato di una sfortunata coincidenza. Allo stesso modo Grillo garantisce per i suoi candidati. Se vanno bene, la gloria è tutta sua, tanto che, come dai diretti interessati riconosciuto, se si presentassero da soli non supererebbero di molto l’1%. Se invece vanno male, la sua santità non è scalfita, si tratta di incidenti di percorso, di opportunisti che hanno approfittato dell’occasione e che subito vengono espulsi, anche se poi rimangono sul groppone alla collettività, che peraltro a simili pesi è abituata.
Questa caratteristica ne fa una specie di partito ultraterreno, qualcosa di non paragonabile a un partito di questo mondo, come il PD, tanto per fare un esempio, che invece la faccia ce la rimette, come lui stesso fa notare nel suo blog-santuario, se uno ruba, anche se subito viene sospeso o espulso.
È una nuova forma di garanzia che forse gli istituti di credito, a differenza degli elettori, non apprezzerebbero molto. In parole povere, garantisce solo quando il debitore paga.

Nessun commento:

Posta un commento