.

.

lunedì 23 giugno 2014

Pillole (Le mille e una notte)

«Durante il primo secolo della mia prigionia giurai che se qualcuno mi avesse liberato, l’avrei fatto ricco anche dopo la sua morte, ma il secolo passò e nessuno venne a salvarmi.

Nel secondo secolo giurai di donare tutti i tesori della terra a chiunque mi mettesse in libertà. Ma non fui più fortunato.
Nel terzo secolo promisi di far potente monarca il mio liberatore, di stargli sempre vicino ed accordargli ogni giorno per tre volte ciò che mi avesse chiesto, qualunque cosa fosse: ma quel secolo passò come i precedenti, e io rimase sempre nel medesimo stato.
Infine, disperato, e molto irato di vedermi prigioniero per così lungo tempo, giurai di uccidere senza pietà chiunque mi liberasse, non accordandogli altra grazia che la scelta della morte. Poiché sei stato tu che oggi mi hai liberato, scegli come vuoi che io ti uccida.»

Le mille e una notte

Nessun commento:

Posta un commento