.

.

domenica 24 agosto 2014

Pillole: Dostoevskij, Memorie del sottosuolo (1)

Un uomo immediato cosiffatto lo stimo appunto un uomo vero, normale, come voleva vederlo la stessa tenera madre natura, mettendolo al mondo. Un uomo cosiffatto lo invidio fino a scoppiare di bile. È sciocco,
su questo non vi contraddico, ma forse l’uomo normale dev’essere appunto stupido, che ne sapete voi? Forse, anzi, è una bellissima cosa.
Dostoevskij, Memorie del sottosuolo

Pillole: Dostoevskij, Memorie del sottosuolo (3)

Nessun commento:

Posta un commento