.

.

mercoledì 6 agosto 2014

Pillole: Melville, Mobydick (4)

Avvistato da lungi da qualche timorosa nave da guerra o da qualche svagato vascello in avanscoperta, quando la distanza che offusca gli stormi dei volatili lascia tuttavia vedere la bianca massa galleggiante al sole,
e la bianca schiuma che alta le ribolle intorno, subito il cadavere innocuo della balena vien registrato con tremule dita sul giornale di bordo: secche, scogli e frangenti nei pressi: attenzione! E poi per anni, forse, le navi evitano quel luogo, saltandolo come pecore sciocche che saltano sul niente perché una volta, per uno stecco alzato da qualcuno, la prima pecora ha saltato. Ecco la legge dei precedenti; ecco l’utilità delle tradizioni; ecco la storia dell’ostinato sopravvivere di antiche credenze mai fondate sulla terra e ora nemmeno librantesi nell’aria. Ecco l’ortodossia!
Melville, Mobydick


Link:

Pillole: Melville, Mobydick (5)

Nessun commento:

Posta un commento