.

.

giovedì 11 settembre 2014

Il disappunto di D'Alema

Ora si capisce il disappunto di D’Alema, lui che la battuta di Moretti “di’ qualcosa di sinistra” si è portato addosso come un marchio, lui che per l’innocente idea della bicamerale è diventato
icona vivente dell’inciucio. Non si tratta di invidia per la popolarità di Renzi, come si potrebbe superficialmente credere. Ispirare simpatia è una possibilità che non l’ha mai sfiorato.
La questione è un’altra. D’Alema vede Renzi dire qualcosa di sinistra, anzi molte cose di sinistra, anche se poi nei fatti non si vede niente di sinistra, e allora una spia dev’essersi accesa nella sua mente. Deve aver capito - succede anche alle persone molto intelligenti capire alcune cose a scoppio ritardato - che la battuta di Moretti poteva anche prenderla in senso letterale. Bastava dirla qualcosa di sinistra, senza per questo sentirsi impegnato a farla.

Link:

Vespa fa domande a Renzi

Una carriera politica in stato confusionale

Nessun commento:

Posta un commento