.

.

lunedì 15 settembre 2014

Il presenzialismo scolastico di Renzi

Il presenzialismo scolastico mostrato da Renzi in questi suoi primi sei mesi da presidente del consiglio potrebbe non essere dovuto alla ricerca di un ritorno di immagine a buon mercato,
come alcuni critici insinuano, ma piuttosto a un voler ritornare da vincitore nel luogo dove ha subito una bruciante sconfitta.
La biografia del giovane Renzi riporta infatti di una sua candidatura a rappresentante di istituto in una lista cattolica contro una lista di sinistra. Il futuro presidente del consiglio ne uscì battuto. Età dei votanti, quindi, tra i quattordici e i diciannove anni.
Secondo una frase attribuita a Berlusconi, il popolo italiano avrebbe un’intelligenza equiparabile a quella di un bambino di dodici anni. Non l’ha detta pubblicamente, non è arrivato a tanto, ma non l’ha mai nemmeno smentita.

Assodato che si possono mettere in discussione tante qualità dell’ex premier, ma non il suo acume, ci sono dunque le basi per spiegare la grande popolarità goduta da Renzi.

Link:

L'homo sapiens sapiens leghista

Il film di Bersani

Nessun commento:

Posta un commento