.

.

domenica 14 settembre 2014

L'homo sapiens sapiens leghista

Se un partito come la Lega che possedeva centocinquantamila fucili si ritrova costretto a ricorrere ai bastoni, si può tranquillamente dedurre che la sua amministrazione sia stata ancor meno
oculata di quel che si pensava, e che l'allegra brigata Belsito e famiglia Bossi non si sia limitata ai diamanti ma si sia occupata anche di piazzare le armi. Salvini dunque farà bene, in attesa di usarli, a mettere sotto chiave i bastoni, onde evitare che qualcuno faccia sparire anche quelli ed essere costretto domani a ricorrere alle pietre scheggiate.
Ma può pure darsi che l'uscita di Salvini non sia dettata dalla necessità e abbia carattere esclusivamente politico, può darsi cioè che rappresenti una tappa evolutiva nella storia dell'homo sapiens sapiens leghista, per cui i bastoni seguono i fucili. In questo caso il ricorso alle pietre scheggiate indicherà soltanto il compimento di un processo di maturazione politica.

Link:

Vespa fa domande a Renzi

Il dilemma dell'uomo di sinistra

Due Peter Sellers in Corea del Nord

Nessun commento:

Posta un commento