.

.

lunedì 1 settembre 2014

New Delhi nuova meta preferita dei politici italiani

In Italia la politica funziona così. Non sta a valutare cosa sia giusto e cosa non sia giusto. Segue la pancia. Ci sono questioni che fanno breccia nell’opinione pubblica, come Stamina o, per l’appunto, il caso dei due
marò, e allora immediatamente vi si tuffa. A corpo morto. Destra, sinistra e oltre.
Nell’arco di due anni, da Casini ai 5S, a New Delhi ci sono andati praticamente tutti. Tutti, ovviamente, in missione. Tutti, altrettanto ovviamente, senza alcun risultato concreto.
Tutti, però, stando ben attenti a non affrontare la questione nel merito. Assodato infatti che la nave italiana in base ai dati del GPS si trovava in acque territoriali indiane, assodato che i proiettili secondo la perizia balistica sono partiti dalle armi in dotazione ai fucilieri italiani e assodato pure che i destinatari dei proiettili sono morti, il pomo della discordia riguarda soltanto la norma da applicare. Secondo la difesa italiana, la disposizione dell’Onu contro la lotta alla pirateria, che considera i militari sotto la giurisdizione del paese al quale appartiene la nave; secondo l’accusa, la norma del diritto nazionale, che invece prevede che il responsabile dell’omicidio di un cittadino indiano vada processato in India.  
Poiché dunque né i governi che si sono succeduti né le varie missioni sono riusciti a far valere la tesi della difesa, l’unica cosa opportuna sarebbe tacere o, come si dice in questi casi, mantenere il più stretto riserbo, e nello stesso tempo adoperarsi per evitare se non altro la violazione di quei diritti riconosciuti in Italia, come per esempio accadrebbe con un’eventuale condanna a morte. Quanto a lamentarsi per il continuo slittamento dei tempi, l’Italia è l’ultimo paese titolato a farlo vista la durata dei nostri processi.

Ora, appresa la notizia del malore del marò, il ministro della difesa, evidentemente non così oberato da impegni come qualche ingenuo potrebbe immaginare, vola addirittura in India. Ufficialmente per stare vicino al marò, ma la sensazione è che sia piuttosto per mantenersi vicino agli italiani.

Link:

Stamina: una commedia all'italiana

Una storia italiana 2

Nessun commento:

Posta un commento