.

.

mercoledì 1 ottobre 2014

La retrocessione dell'operaio

Si va dunque verso l’abolizione delle serie A. No, non allarmatevi, non la serie A calcistica, quella nessuno la tocca. Ci si riferisce solo alla serie A degli operai. L’obiettivo è nobile:
abolire l’ingiustizia di giocare in due serie diverse. Ci sarà quindi un unico grande campionato di serie B.
Ma se non ci saranno più promozioni in seria A, non si può escludere che un domani non possa esserci un’ulteriore retrocessione. La presenza di operai di serie C, infatti, come quelli occupati nella raccolta di pomodori in Campania o in Puglia, o in condizioni analoghe in tanti altri posti della Penisola, potrebbe porre un nuovo problema di equità tra lavoratori di serie B e di serie C.

Tutto dipende da se e quando il governo se ne accorge.

Link:

La modernità che ti sorprende

La mistica del cambiamento

Nessun commento:

Posta un commento