.

.

domenica 5 ottobre 2014

Pillole: Maupassant, Le Horla (1)

14 luglio. Festa della Repubblica. Ho passeggiato per le vie. I petardi e le bandiere mi divertono come un bambino. E tuttavia è stupido essere felici a date prestabilite, per decreto del governo. Il popolo è un gregge imbecille,
a volte ottusamente paziente, altre volte ferocemente ribelle. Gli si dice: «Divertiti», e si diverte. Gli si dice: «Vai a combattere il tuo vicino», e va a combattere. Gli si dice: «Vota per l’Imperatore», e vota per l’Imperatore. Poi gli si dice: «Vota per la Repubblica», e vota per la Repubblica.

Nessun commento:

Posta un commento