.

.

lunedì 13 ottobre 2014

Pillole: Primo Levi, Se questo è un uomo (2)

I motivi sono pochi, una dozzina, ogni giorno gli stessi, mattina e sera: marce e canzoni popolari care a ogni tedesco. Esse giacciono incise nelle nostre menti, saranno l’ultima cosa del Lager che dimenticheremo: sono la voce del Lager,
l’espressione sensibile della sua follia geometrica, della risoluzione di annientarci prima come uomini per ucciderci poi lentamente.

Nessun commento:

Posta un commento