.

.

martedì 18 novembre 2014

Il gaffeur Marino

Sembra, da quanto riportato dal Corriere e non smentito, che l’assessore De Biase, che sicuramente avrà molti meriti, anche se ogni volta i giornali citano soltanto quello di essere la moglie di
Franceschini, abbia definito Marino il più grande gaffeur d’Italia, la qual cosa, va detto, non è il peggio che da un politico italiano ci si possa attendere. Anzi, molti ci metterebbero la firma per avere soltanto politici gaffeur.
Che tuttavia le dichiarazioni dell’assessore siano la testimonianza di una generale presa di distanza della stragrande maggioranza del partito è chiaro. Del resto, che Marino fosse un corpo estraneo lo si era capito fin dall’inizio. Presentarlo oggi come esempio di amministratore incapace, dunque, è un ottimo modo di mettere le responsabilità fuori dalla porta di casa, dimenticando che Marino raccoglie l’eredità di due sindaci di centrosinistra che non molti rimpiangono. Per tacere di Alemanno, che nonostante insieme ai suoi due predecessori abbia caricato sul groppone del comune un debito miliardario, pure si unisce ai manifestanti, forse su pressione di qualche ultimo parente rimasto a spasso. 

Nell’articolo del Corriere vengono pure fatti i nomi di quelli che potrebbero essere i possibili successori: Gentiloni, Zingaretti, Gasbarra, Madia, ecc. Che saranno pure ottime persone, ma il cui profilo ha un punto in comune che li distingue dall’attuale sindaco. Mentre quest’ultimo, come si sa, è un chirurgo di reputazione internazionale con all’attivo oltre seicento trapianti di fegato, uno che salva vite, il mestiere dei potenziali successori è stato sempre lo stesso: servire la collettività. Cioè, la politica. Quali ricette miracolose abbiano in serbo non è dato saperlo. Quali miracoli abbiano compiuto, nemmeno. Cosa possa fare Madia, catapultata in parlamento da Veltroni, all’insegna del rinnovamento, del rinnovamento con gli amici di famiglia, voglio dire, ecco, cosa possa fare Madia è uno di quei grandi misteri che frequentemente la politica ci propone.

Link:

Nessun commento:

Posta un commento