.

.

giovedì 27 novembre 2014

Le tessere del PD

Nella Sicilia che arranca c’è un settore economico in forte crescita e destinato forse in futuro a fare da traino: il commercio delle tessere del PD. Un fenomeno in controtendenza rispetto
al resto del paese, dove non solo le tessere in circolazione diminuiscono, ma qualcuno le strappa pure.
Da quanto riportato dal Fatto Quotidiano un ex consigliere ne ha comprate 110, ma sembra che gli acquisti in grossa quantità siano abbastanza frequenti anche in altre parti dell’isola. Soprattutto in prossimità di primarie e congressi. Qualcuno sostiene che sarebbero state comprate “a pacchi”.
Deve trattarsi dell’ultimo ritrovato in fatto di beni rifugio, e a quanto pare questi investitori si sono dimostrati oculati e lungimiranti. In tempi brevissimi hanno visto il loro capitale rivalutato in solide poltrone.
Bisognerà informare il povero Bersani, rimasto fedele alla ditta, che nel frattempo la ditta si è trasformata in società per azioni.

Link:

Il cul-de-sac di un presidente del consiglio

Contraddizioni politiche

Timeo danaos et dona ferentes

Nessun commento:

Posta un commento