.

.

giovedì 29 gennaio 2015

Quattro buoni motivi per il M5S

Ci sono almeno quattro motivi che dovrebbero spingere il M5S a votare per Mattarella.
Innanzi tutto, si tratta di una persona onesta, cosa tutt’altro che scontata

mercoledì 28 gennaio 2015

Lo specchietto per le allodole

No, non si tratta di due casi di omonimia. Il Bersani incluso nella lista delle quirinarie è proprio Pierluigi, ex segretario PD, e il Prodi, che sta poco più in basso,

Quello che vogliamo vedere nella vittoria di Syriza

Quello che vogliamo vedere nella vittoria di Syriza alle elezioni greche è la ribellione democratica e pacifica contro:

martedì 27 gennaio 2015

Pillole: Erich Maria Remarque, Niente di nuovo sul fronte occidentale (3)

I razzi continuano a solcare la notte e a piovere luce implacabile sul paesaggio pietrificato, pieno di crateri e freddo come un mondo lunare. Il sangue a fior di pelle porta

lunedì 26 gennaio 2015

Pillole: Erich Maria Remarque, Niente di nuovo sul fronte occidentale (2)

Fuoco tambureggiante, fuoco d’interdizione, cortina di fuoco, bombarde, gas, tanks, mitragliatrici, bombe a mano: sono parole, parole, ma abbracciano tutto l’orrore del mondo.

domenica 25 gennaio 2015

Pillole: Erich Maria Remarque, Niente di nuovo sul fronte occidentale (1)

Alberto trova la formula: “È la guerra che ci ha resi inetti a tutto”. Ha ragione: non siamo più giovani, non aspiriamo più a prendere il mondo d’assalto. Siamo dei profughi,

sabato 24 gennaio 2015

La notte dell'onestà e della demagogia

Il nome suona bene: la notte dell’onestà. Come la notte della repubblica. Per l’onestà in Italia è proprio notte fonda. Chiamarlo “il giorno dell’onestà”

giovedì 22 gennaio 2015

La contropartita del suicidio

Berlusconi, dunque, vota l’Italicum. Accettare il premio di lista, col suo partito al 15%, anziché il premio alla coalizione, col centrodestra intorno al 35%, è con tutta evidenza,

martedì 20 gennaio 2015

La ricchezza degli italiani

Ci risiamo, chissà perché, ma da Palazzo Chigi gli italiani appaiono più ricchi di quel che effettivamente sono.

Pillole: Italo Calvino, Le città invisibili (3)

Certo anche a Ipazia verrà il giorno in cui il mio solo desiderio sarà partire. So che non dovrò scendere al porto ma salire sul pinnacolo più alto della rocca ed aspettare

lunedì 19 gennaio 2015

L'indifendibile

Non per difendere l’indifendibile, cioè Cofferati, che a Bologna non ha lasciato un gran ricordo e a Bruxelles non ne ha lasciato proprio, ma le reazioni dell’establishment

Pillole: Italo Calvino, Le città invisibili (2)

Anche a Raissa, città triste, corre un filo invisibile che allaccia un essere vivente a un altro per un attimo e si disfa, poi torna a tendersi tra punti in movimento disegnando nuove rapide figure cosicché a ogni secondo

domenica 18 gennaio 2015

Pillole: Italo Calvino, Le città invisibili (1)

Arrivando a ogni nuova città il viaggiatore ritrova un suo passato che non sapeva più d’avere; l’estraneità di ciò che non sei più o non possiedi più t’aspetta al varco nei luoghi estranei e non posseduti.

sabato 17 gennaio 2015

Guerra santa: istruzioni per l'uso

Alla fine, se guerra santa dev’essere, se cioè la coppia Le Pen-Salvini riuscirà a convincere i rispettivi elettorati, guerra santa sarà. Conviene quindi prepararsi fin d’adesso

mercoledì 14 gennaio 2015

La nuova guerra di religione

Sul Corriere della Sera Piero Ostellino da voce a quella larga platea che invoca la guerra santa, o qualcosa di simile. L’idea che sta alla base del suo discorso sarebbe,

martedì 13 gennaio 2015

Le primarie carnevalesche

Tra le tante trovate geniali degli ultimi vent’anni che hanno permesso al PD di diventare quello che è diventato, un posto rilevante spetta alle primarie. Sappiamo chi le ha inventate,

Tutti i Charlie del mondo

Dunque, a parte Arabia Saudita e qualche altra rara eccezione, siamo tutti Charlie. Il governo russo, quello turco e quello del Gabon, giusto per fare qualche esempio,

lunedì 12 gennaio 2015

Pillole: Proust, Jean Santeuil

D’altronde, se pur m’ha fatto del male, non mi ha forse fatto, e anche di più, del bene, se mi piaceva tanto?
Marcel Proust, Jean Santeuil

domenica 11 gennaio 2015

Pillole: Proust, Il piacere e i giorni

Cartoline, libri… tenuti spesso dalle sue mani, rimasti a lungo sulla sua scrivania… Avete conservato le pieghe della mano giocosa o nervosa che vi sfogliò; forse conservate ancora prigioniere

sabato 10 gennaio 2015

La comunicazione di Renzi

Renzi visita lo stabilimento della Granarolo a Bologna e si ripete lo stesso copione: lavoratori che scioperano contro il jobs act ma tenuti lontano dai riflettori.

martedì 6 gennaio 2015

Lo status di evasore

Sul Fatto Quotidiano ci si poneva la seguente domanda: “cosa bisogna fare per essere considerati evasori fiscali in Italia?”

lunedì 5 gennaio 2015

Tutta colpa di Berlusconi

Prendete un un brav'uomo, non un ladruncolo da quattro soldi, di quelli che è bene chiudere in gattabuia e buttare via la chiave, ma un uomo normale,

Pillole: Oscar Wilde, De Profundis (2)

A volte il dolore mi pare essere l’unica verità. Altre cose possono essere illusioni dell’occhio o del desiderio, fatte per accecare il primo e saziare il secondo,

domenica 4 gennaio 2015

Regolamento di conti

Attentato incendiario nell'ufficio del PD Coratti, indagato nell'inchiesta di Mafia Capitale.

Il complottone

Cui prodest? Questa la domanda che accompagna le varie ipotesi di complotto che gli attivisti 5S non si stancano di scoprire e rilanciare con un’abnegazione

Pillole: Oscar Wilde, De Profundis (1)

Neppure per un attimo rimpiango di essere vissuto per il piacere. L’ho fatto compiutamente, come si deve fare ogni cosa. Non vi fu piacere che non conobbi. Gettai la perla della mia anima in un bicchiere di vino. Scesi