.

.

domenica 8 marzo 2015

Pillole: Anatole France, Nel giardino di Epicuro

Un genio da a un bambino un gomitolo di filo e gli dice: “Questo filo è quello dei tuoi giorni. Prendilo. Quando vorrai che il tempo scorra, tira il filo:
i tuoi giorni passeranno rapidi o lenti, a seconda di come avrai dipanato il gomitolo. Finché non toccherai il filo, il tempo per te non passerà”. Il bambino preso il filo, e lo tirò dapprima per divenire uomo, poi per sposare la donna amata, poi per veder crescere i bambini, per ottenere cariche, guadagni, onori, per superare i momenti di difficoltà, evitare i dispiaceri, le malattie sopraggiunte con l’età, e, alla fine, per terminare una vecchiaia diventata insostenibile.
Aveva vissuto solamente quattro mesi e sei giorni dalla visita del genio.
Anatole France, Nel giardino di Epicuro


Pillole: Flaubert, Bouvard et Pecouchet (1)

Pillole: Diderot, Jacques il fatalista (2)


Nessun commento:

Posta un commento