.

.

domenica 15 marzo 2015

Pillole: Marguerite Yourcennar, Memorie di Adriano (1)

Come ogni uomo, non ho che tre strumenti per valutare l’esistenza umana: lo studio di sé, il più difficile e il più pericoloso, ma anche il più fecondo di metodi; l’osservazione degli uomini,
che si ingegnano il più sovente per nascondere i loro segreti o per far credere che ne hanno; i libri, con i loro errori di prospettiva che si insinuano tra un rigo e l’altro.

Nessun commento:

Posta un commento