.

.

martedì 28 aprile 2015

Il terzo segreto di Grillo

Alla faccia della trasparenza, verrebbe da dire. Oltre che della democrazia diretta. L’anno scorso, a distanza di un anno dai fatti, Grillo aveva informato gli altri “uno”

lunedì 27 aprile 2015

Pillole: Tolstoj, I racconti di Sebastopoli (2)

Dov’è l’espressione del male dal quale occorre fuggire? Dov’è l’espressione del bene che bisogna imitare in questo racconto? Chi è il cattivo? Chi è l’eroe? Tutti sono buoni e tutti sono malvagi.

domenica 26 aprile 2015

Pillole: Tolstoj, I racconti di Sebastopoli (1)

Spesso mi si è affacciato alla mente uno strano pensiero: che cosa accadrebbe se una delle due parti contendenti proponesse all’altra di allontanare da ogni esercito un soldato?

sabato 25 aprile 2015

Dopo un raccolto ne viene un altro

La domanda posta dal sondaggio è: sono ancora attuali i valori della Resistenza? 
Il 36 % dice di sì. Il 58 risponde negativamente. Il 6 è andato.

venerdì 24 aprile 2015

Welcome

Dunque, se si tratta di bombardare, magari per distruggere armamenti inesistenti, possiamo contare sul Regno Unito. Con l’appoggio dell’Onu o senza appoggio dell’Onu,

giovedì 23 aprile 2015

Lo stakanovismo secondo Marchionne

Landini fraintende. Marchionne non vuole sottrarre autonomia al sindacato, né tanto meno cancellarlo, anche perché per lui il sindacato

Pillole: Orhan Pamuk, Il mio nome è Rosso (5)

Anch’io credevo di vederla dappertutto. Capii meglio Ibn Arabi quando parla dell’amore come capacità di rendere visibile l’invisibile, desiderio di sentirsi accanto ciò che non si lascia vedere.
Orhan Pamuk, Il mio nome è rosso

mercoledì 22 aprile 2015

Pillole: Orhan Pamuk, Il mio nome è Rosso (4)

Sento che vi domandate: cosa vuol dire essere un colore? Il colore è il tocco dell’occhio, la musica dei sordi, un grido nel buio. Dato che sono decine di migliaia di anni

martedì 21 aprile 2015

La propaganda dell'odio

Credo che ogni qualvolta succeda una tragedia come quella del Canale di Sicilia ci sia qualcuno che esulta. Ma non mi riferisco a coloro che inondano la rete con post indecenti.

Pillole: Orhan Pamuk, Il mio nome è Rosso (3)

Sono uscita da Istanbul una sola volta, dentro il borsellino di un derviscio di Edirne che andava a Manisa. Quando i briganti ci tagliarono la strada e dissero: “O la borsa o la vita!”, il povero derviscio,

lunedì 20 aprile 2015

Cristiani sui generis

È una foto che non piacerà molto alla Meloni, al Salvini e alla Santanché, quella che pubblica la Repubblica e che ritrae uno dei principali trafficanti di uomini in attività.

Pillole: Orhan Pamuk, Il mio nome è Rosso (2)

Se dentro di te, inciso sul cuore, vive il volto della persona amata, il mondo è ancora la tua casa.

Orhan Pamuk, Il mio nome è Rosso

domenica 19 aprile 2015

Pillole: Orhan Pamuk, Il mio nome è Rosso (1)

I libri aggiungono all’infelicità dell’uomo una profondità che scambiamo per consolazione.

Orhan Pamuk, Il mio nome è Rosso

sabato 18 aprile 2015

Un obelisco può sempre tornare utile

Sono contrario anch’io, per quanto possa valere l’opinione di un cittadino che non ricopre cariche pubbliche, alla rimozione dell'obelisco di Mussolini.

giovedì 16 aprile 2015

Piccola preghiera alle cooperative rosse

Solidarietà, riscatto sociale, civismo... Queste sono le parole in cui ci si imbatte se si sfoglia qualche pagina riguardante la storia delle cooperative e l’immagine che più di frequente

martedì 14 aprile 2015

La gloria dei poliziotti della scuola Diaz

Il punto chiaro nel post pubblicato su facebook riguardante i fatti di Genova è che i poliziotti non cercavano la gloria. È già qualcosa, perché se pensavano di trovare gloria

lunedì 13 aprile 2015

Il buon governo secondo la Lega

Il fatto quotidiano fa i conti in tasca alla Lega. Anzi, per meglio dire, fa i conti dei soldi passati nelle tasche della Lega, visto che allo stato attuale

Pillole: Lermontov, Un eroe del nostro tempo (2)

«Sono convinto», ho proseguito, «che la principessina è già innamorata di te».
Egli è arrossito fin sopra le orecchie e si è ringalluzzito.

domenica 12 aprile 2015

Sondaggi: maneggiare con cura

Diciamolo, forse è arrivato il momento di far precedere la pubblicazione dei sondaggi da un avvertimento. Un po’ come si fa per immagini o video particolarmente forti.

Pillole: Lermontov, Un eroe del nostro tempo (1)

Non pensate tuttavia, in base a ciò, che l’autore di questo libro abbia mai cullato il sogno superbo di farsi emendatore dei vizi degli uomini. Dio lo preservi da simile rozzezza! Semplicemente si è divertito

giovedì 9 aprile 2015

Il vuoto di memoria

Il problema, a ben guardare, non è Salvini. In vent’anni e passa, dai leader leghisti abbiamo sentito uscite ben più truculente di quella di Salvini sui campi rom. Probabilmente,

mercoledì 8 aprile 2015

L'onorabilità secondo D'Alema

D’Alema fa bene a difendere la sua onorabilità, perché, se intende l’essere oggetto di indagine giudiziaria, la sua onorabilità è fino a oggi integra.

martedì 7 aprile 2015

Pillole: Sant'Agostino, Le confessioni (3)

Ed eccomi a rispondere a chi domanda: «Che cosa faceva Iddio prima di creare il cielo e la terra?». Non darò la risposta di quel tale che, per eludere con un motto di spirito la difficoltà della domanda,

lunedì 6 aprile 2015

Pillole: Sant'Agostino, Le confessioni (2)

Bene disse chi disse del suo amico: «metà dell’anima mia». Anch’io ho provato che la sua e la mia anima formavano un’anima sola in due corpi: ed avevo in odio la vita non volendo vivere a metà,

domenica 5 aprile 2015

Il poeta maledetto

Anche Bondi se ne va. Un’epoca finisce. Nelle foto di gruppo del partito non vedremo più il suo volto mansueto da carmelitano scalzo spiccare tra le espressioni grifagne dei suoi colleghi.

Pillole: Sant'Agostino, Le confessioni (1)

E sentivo con grande piacere Ambrogio quando tenendo i suoi sermoni al popolo inculcava caldamente e spesso questa norma: «la lettera uccide, lo spirito vivifica»

Sant’Agostino, Le confessioni

sabato 4 aprile 2015

Braccia e uomini

Scriveva qualche decennio addietro uno scrittore elvetico: volevamo delle braccia, sono arrivate delle persone. Si riferiva agli immigrati italiani. Ma, come sappiamo bene oggi anche noi,

venerdì 3 aprile 2015

Triste, solitario y final

Dunque, si è compiuta in poco più di tre anni la parabola di Bersani. Da padrone indiscusso del partito, a leader della minoranza a semplice rappresentante di se stesso.

mercoledì 1 aprile 2015

Le consultazioni di Grillo

Sarà pure vero che il M5S non ha aperto il parlamento come una scatoletta di tonno, e nemmeno come un fustino di detersivo. Sarà pure vero che non è stato capace