.

.

lunedì 20 aprile 2015

Cristiani sui generis

È una foto che non piacerà molto alla Meloni, al Salvini e alla Santanché, quella che pubblica la Repubblica e che ritrae uno dei principali trafficanti di uomini in attività.
Non che vi sia qualcuno al quale possa piacere, ma ai tre sopra nominati dispiacerà in particolare notare la croce ostentata dal tipo, la quale autorizza a credere che si tratti di un cristiano. Non un cristiano, certo, che coltivi gli ideali di carità e misericordia, se non altro per ragioni professionali. Quanto alla sua idea di fratellanza, sarà senza dubbio molto soggettiva. Insomma, si capisce di che tipo di cristiano possa stiamo parlando. A Meloni, Salvini e Santanché non piacerà, dunque, che un soggetto del genere si presenti come appartenente alla loro stessa religione.

Ma, a pensarci bene, nemmeno Meloni, Salvini e Santanché sono cristiani, per ragioni professionali anche loro, che coltivano molto gli ideali di carità e misericordia, e anche la loro idea di fratellanza è quanto mai soggettiva. Si può allora ipotizzare anche un secondo motivo per cui non gradiranno questa immagine, per timore cioè di vedervi riflessa una concezione del cristianesimo per certi aspetti simile alla loro: essere cioè cristiani a parole e quando ti conviene. 

Link:

Nessun commento:

Posta un commento