.

.

martedì 30 giugno 2015

Il pubblico di Ballarò

C'era una volta il pubblico di Ballarò che riversava applausi sui rappresentanti democratici, Fassino incluso, e ostentava silenzi di piombo, se non veri e propri rumoreggiamenti,

La crisi greca in sintesi

La Grecia ha un debito di circa 320 miliardi, ovvero più del 170% del pil. L’opinione condivisa dalla maggior parte degli economisti di più svariato orientamento è che in nessun modo

lunedì 29 giugno 2015

Pillole: Honoré de Balzac, Papà Goriot (2)

Se il cuore umano si prende delle pause salendo verso le altezze dell’affetto, si arresta raramente sul pendio ripido dell’odio.

Honoré de Balzac, Papà Goriot

domenica 28 giugno 2015

Pillole: Honoré de Balzac, Papà Goriot (1)

Ha ragione chi dice che non c’è nulla di più bello di una fregata in volo, di un cavallo al galoppo e di una donna che danza.


Honoré de Balzac, Papà Goriot

sabato 27 giugno 2015

Presunzione di colpevolezza

Queste richieste di arresto di parlamentari del Nuovo Centrodestra, che si susseguono a cadenza più o meno settimanale, rischiano di trasformarsi in una specie di stillicidio,

mercoledì 24 giugno 2015

Ignoranti di tutto il paese, unitevi!

Qualche anno fa Tremonti, che credeva o a al quale avevano fatto credere di poter diventare uno dei capi, se non il capo, della Lega, nel corso di un comizio a Bologna

martedì 23 giugno 2015

Il rimorchio della storia

Sono passati poco più di quarant’anni da quando il referendum sancì l’affermazione del divorzio. Forse non tutti sanno che la campagna elettorale

lunedì 22 giugno 2015

Pillole: Marcel Proust, All’ombra delle fanciulle in fiore (2)

Il tempo del quale disponiamo ogni giorno è qualcosa di elastico; le passioni che sentiamo lo dilatano, quelle che ispiriamo lo restringono, e l’abitudine lo riempie.

domenica 21 giugno 2015

L'allucinante family day

Inutile cercare molte parole per definire il family day di Roma. Ne basta una: allucinante.
Allucinante vedere in una piazza nel terzo millennio

Pillole: Marcel Proust, All’ombra delle fanciulle in fiore (1)

Negli ultimi giorni dell’anno questa lettera mi sembrò probabile. Forse non lo era, ma per crederla tale, il desiderio, il bisogno bastano.

sabato 20 giugno 2015

La simpatia della presidente della Camera

In questa prima parte di legislatura la presidente della Camera si è affermata come bersaglio preferito del populismo grillo-leghista.

Un'ordinaria settimana di emergenza immigrazione

Un'ordinaria settimana di emergenza immigrazione basta a rivelare come i veri valori che stanno alla base di questa Unione Europea si possano sintetizzare in uno soltanto: il proprio tornaconto. 

Laudato si'

Chi tra i principali leader di sinistra oserebbe sostenere che è inaccettabile che “i popoli paghino per le banche”?

giovedì 18 giugno 2015

Lo spettro greco

Ammettiamo pure che FMI, UE e BCE abbiano ragione a definire dilettanti e incapaci Tsipras e Varoufakis, ma dov’erano quando l’ex premier Karamanlis (centrodestra)

mercoledì 17 giugno 2015

La prima vittima della nuova rottamazione renziana

La prima vittima della nuova rottamazione renziana è un antico detto, quello secondo il quale la vittoria ha molti padri, mentre la sconfitta è orfana. Nella sua analisi del dopo voto,

lunedì 15 giugno 2015

Politici che asfaltano

Se dovessi scegliere una parola che meglio rappresenta lo scadimento della vita politica, a sua volta riflesso di un più generale scadimento dei rapporti civili tra le persone,

domenica 14 giugno 2015

Pillole: Kierkegaard, Diario del seduttore

Tutto ciò che faccio, lo faccio “con amore”, e così amo anche “con amore”.
Kierkegaard, Diario del seduttore

giovedì 11 giugno 2015

Fiat lux!

La formula più gettonata è: “abbiamo fiducia nel lavoro della magistratura”, ma vanno ugualmente forte: “abbiamo molta fiducia nel lavoro della magistratura”

martedì 9 giugno 2015

Cose da turchi

Alcuni giornali riportano la notizia dei deputati inglesi che rifiutano un aumento del 10% della loro indennità. Cose da turchi, verrebbe da dire, se, per l'appunto, non fossero inglesi.

Il sosia di Maroni

A leggere i giornali, la notizia sarebbe strana. In sostanza, Maroni attaccherebbe il governo perché sugli immigrati adotta i criteri che lui stesso da ministro degli interni aveva stabilito

lunedì 8 giugno 2015

Pillole: Tolstoj, La morte di Ivan Ilic (2)

Quello stesso mese egli era stato da un’altra celebrità: e l’altra celebrità disse quasi la stessa cosa della prima, ma facendo delle domande diverse al paziente.

domenica 7 giugno 2015

Pillole: Tolstoj, La morte di Ivan Ilic (1)

Ivan Ilic non si alzava più dal divano. Non voleva coricarsi sul letto, e così si sdraiava sul divano. E, quasi sempre rivolto con la faccia al muro, soffriva in completa solitudine le stesse indissolubili sofferenze

sabato 6 giugno 2015

La nuova destra

Un paio di decenni or sono Montanelli lamentava le difficoltà di veder nascere in Italia una destra normale. Con ciò intendendo un partito conservatore, a modello inglese o francese,

mercoledì 3 giugno 2015

La vittoria fantasma

Dunque, il M5S non ha vinto in nessuna delle sette regioni, anzi, non è nemmeno arrivato secondo, con l’eccezione delle Marche e della Puglia. Non ha vinto e non è nemmeno

martedì 2 giugno 2015

Dopo Toti, il cavallo

Sui risultati delle elezioni regionali in Liguria inutile scomodare gli analisti politici. Al massimo, analisi sociologiche. Dopo che la maggioranza dei votanti ha scelto

lunedì 1 giugno 2015

Pillole: Montesquieu, Lettere persiane (2)

Conviene mettere da parte la ragione nelle nostre riflessioni, e trattare l’uomo da essere sensibile piuttosto che da essere ragionevole.