.

.

giovedì 11 giugno 2015

Fiat lux!

La formula più gettonata è: “abbiamo fiducia nel lavoro della magistratura”, ma vanno ugualmente forte: “abbiamo molta fiducia nel lavoro della magistratura”
o “abbiamo piena fiducia nella magistratura”. Altri, forse per scaramanzia, preferiscono forme impersonali: “bisogna fare chiarezza” o “bisogna fare chiarezza subito”, oppure, lapidariamente, "chiarezza!"“La magistratura deve fare il suo lavoro” è un’altra formula ricorrente, ma qualcuno è più preciso: “la magistratura deve fare il suo lavoro fino in fondo”. Qualcun altro preferisce la neutralità: “lasciamo lavorare la magistratura”. Qualcun altro ancora alla neutralità aggiunge i buoni auspici: “lasciamo lavorare la magistratura serenamente”. E c'è pure chi per l'occasione riscopre il valore della non belligeranza: "lasciamo lavorare la magistratura in pace". Per un capo di governo si adatta bene: “chi ha sbagliato deve pagare”, ma ultimamente è stata aggiunta una postilla: “chi ha sbagliato deve pagare e restituire il maltolto fino all’ultimo centesimo”. Gli alleati e gli amici di partito, nel ribadirsi sicuri dell’innocenza dell’indagato, a seconda dello stato d’animo (ma anche la convenienza può avere una certa importanza) possono optare tra: “estirpare il cancro del malaffare”, “accertare le responsabilità", “non fare sconti a nessuno”. Innovativo, seppur di antico sapore biblico, e sicuramente destinato a fare scuola, il contributo portato adesso dal sottosegretario Castiglione indagato per il C.A.R.A. di Mineo: Sia fatta luce!

Link:

Nessun commento:

Posta un commento