.

.

mercoledì 17 giugno 2015

La prima vittima della nuova rottamazione renziana

La prima vittima della nuova rottamazione renziana è un antico detto, quello secondo il quale la vittoria ha molti padri, mentre la sconfitta è orfana. Nella sua analisi del dopo voto,
Renzi è stato chiaro: la vittoria ha un solo padre, cioè Renzi 1. In quanto alla sconfitta, di padri ne trova addirittura due, D’Attorre e Fassina, che effettivamente la faccia triste dei portatori di sventura un po’ ce l’hanno.
Dunque, se abbiamo ben capito, nella fuga dell’elettore PD non ha inciso il jobs act, che anzi è stato salutato a sinistra come una grande conquista per i lavoratori. Non ha inciso nemmeno la riforma della scuola, da tutti accolta con hurrà di entusiasmo. Né, tanto meno, hanno inciso i numerosi scandali, a cominciare da Mafia capitale, che semmai hanno avuto l'effetto di riavvicinare l’elettore PD al suo partito.
Il tracollo  va interamente addebitato a quelli che hanno sostenuto la candidatura Casson a Venezia, in primis D’Attorre e Fassina. È stato allora che l’elettore del PD si è spaventato ed è fuggito, anzi si è spaventato così tanto che in Emilia-Romagna era fuggito ancor prima che i due neopapà comparissero col loro candidato.


Link:

Nessun commento:

Posta un commento