.

.

mercoledì 22 luglio 2015

Open

La fondazione di Renzi è Open. Ma proprio open. Tanto da accogliere finanziamenti di diverse multinazionali straniere,
le quali evidentemente, tra un business e l'altro, hanno preso a cuore le sorti della sinistra nella nostra Penisola.  Ce n'era bisogno. Un cinquanta percento dei finanziatori, invece, preferisce beneficiare della legge sulla privacy e non rivelare il proprio nome. Deve trattarsi, con tutta probabilità, di vecchi elettori di sinistra che solo un antico senso di pudore trattiene dall'uscire dall'anonimato.

Link:

Timeo danaos et dona ferentes

il pubblico di Ballarò

La comunicazione del PD

Nessun commento:

Posta un commento