.

.

mercoledì 26 agosto 2015

Pillole: Carlo Emilio Gadda, Quer pasticciaccio brutto de via Merulana (4)

Di sotto a quell’altro grifo appeso al muro del Predappiofezzo in cornice, che gli faceva gli occhi del babàu a le mosche secche sur muro derimpetto:
prolati i labbri in un suo broncio baggiano, di maccherone treenne, da innamorare tutte le Marie Barbigie d’Italia: co in coppa a ‘a capa ‘o fez, co ‘o pennacchio dell’Emiro. Emiro de sàbet gràss.

Nessun commento:

Posta un commento