.

.

lunedì 17 agosto 2015

Pillole: Ennio Flaiano, Autobiografia del blu di Prussia (2)

Un’altra idea che mi danneggia è questa: che noi tutti si viva tante volte il numero dei giorni fissati, come operai che licenziati al tramonto
vengano riassunti all’alba. Mettendomi a letto, ogni sera, compio un atto incalcolabile. Sarò nella lista, il giorno dopo? E il pensiero di non svegliarmi (e perché dovrei svegliarmi?) mi spinge a vivere ogni giorno daccapo, con tutte le futili noie che derivano da una simile predisposizione d’animo. Io muoio alla giornata, posso ben dirlo.

Ennio Flaiano, Autobiografia del blu di Prussia

Nessun commento:

Posta un commento