.

.

venerdì 25 settembre 2015

Il metodo Razzi

Si parla molto di miss Italia in questi giorni, non per la bellezza, ma per la sciocchezza. Eppure, almeno il 60% delle critiche devono essere ingiustificate,
ché questa è la percentuale di persone che non leggono nemmeno un libro all’anno e che quindi non devono essere messe molto meglio. Ma non devono essere messi molto meglio nemmeno quei giornalisti che continuano a rivolgerle domande del tipo: quale riforma dovrebbe fare il governo?
La colpa di miss Italia in fondo è quella di rappresentare l’Italia, oltre che per la bellezza anche per il valore assegnato all’istruzione. Del resto, un ex ministro dell’economia ha detto che con la cultura non si mangia e a presiedere la commissione cultura della Camera c’era fino a qualche mese fa un certo Galan i cui meriti culturali sono tutt'altro che noti.
Il solo errore di Miss Italia è di non avere accanto un addetto alla comunicazione che la sappia valorizzare, e anziché obbligarla a goffi tentativi per rimediare all’infelice uscita, la invogli a ostentare l’ignoranza e a far proprie alcune delle tanti boutade apparse sulla rete.
È la via più breve e più sicura per diventare un personaggio, il metodo Razzi.




Link:

Nessun commento:

Posta un commento