.

.

giovedì 3 settembre 2015

L'informazione Tze-Tze

Es. 1: “Rischio salmonellosi, cioccolato senza glutine Twin Bar ritirato dal mercato".


Es. 2: “ATTENZIONE - Se avete comprato queste barrette di cioccolato al supermercato NON MANGIATELE! Ecco cosa ci hanno trovato dentro…”

Il titolo del n. 1 fornisce gli elementi necessari per capire di cosa si tratta: prodotto, tipo di batterio rilevato e, soprattutto, marca interessata. Il n. 2 si limita a dirci che si tratta barrette di cioccolato. Nel primo esempio il lettore sa già se ha motivo di preoccuparsi e può non aprire il link se non interessato, nel secondo, invece, se vuole saperlo sarà obbligato a cliccare. 
Il primo è un esempio di informazione corretta, poiché ti anticipa in maniera chiara il contenuto; il secondo non lo è, poiché punta sul lato emotivo dell'utente suscitando allarmismo, e lo spinge ad andare a controllare se il cioccolato pericoloso non sia dello stesso tipo di quello che ha comprato. 
E' chiaro che nel primo caso il bacino di lettori si restringe di molto, ma si tratterà di visite ottenute in maniera trasparente, laddove nel secondo caso il numero dei click aumenterà notevolmente, ma saranno ottenuti in maniera ingannevole. 
Semplificando, il primo si può ascrivere al partito degli onesti, il secondo a quello dei furbi.
Uno dei due esempi è tratto da Tze-Tze, il frequentatissimo sito della Casaleggio Associati la cui pagina Facebook sfiora i 900000 like, ma non è il primo, come potrebbe supporre qualcuno per riflesso condizionato, bensì il secondo. L'altro invece è tratto da un giornale informativo, medicinalive.com, ma anche in altri siti, come Il fatto alimentare, ecc,, la notizia veniva presentata allo stesso modo.

Il termine Tze-Tze, per inciso, deriva dalla mosca tze-tze, un insetto che succhia il sangue di vari animali, uomo compreso, estremamente prolifico e che può trasmettere la cosiddetta malattia del sonno, la quale provoca confusione, apatia e deperimento dell’organismo fino alla morte. 
C’entra qualcosa l'etimologia della parola con lo stile del sito? Forse sì.

Link:

Il pulpito e la predica

Si avverte la gentile clientela...

La non-notizia del giorno

Nessun commento:

Posta un commento