.

.

mercoledì 9 settembre 2015

Pillole: Francis Scott Fitzgerald, Il Grande Gatsby (4)

Daisy incominciò a cantare seguendo la musica in un roco bisbiglio ritmico, donando a ogni parola un significato
che non aveva mai avuto e non avrebbe avuto mai più. Quando la melodia si levò, la voce si aprì dolcemente a seguirla, come fanno le voci di contralto, e ogni nota riversò nell’aria un po’ della sua calda magia umana.

Nessun commento:

Posta un commento