.

.

venerdì 23 ottobre 2015

Bloccati e sbloccati

Sentendo parlare di 3000 euro e della necessità di "sbloccare molte famiglie italiane", i 6,5 milioni di pensionati che percepiscono meno di mille euro al mese,
o, meglio, quelli che tra di loro hanno votato il PD pensando di veder tutelati i propri interessi, avranno fatto un salto sulla sedia. Vuoi vedere, avranno pensato per un attimo, che il premier si è ricordato di noi?
Invece no. Per il governo e - va detto - anche per la logica costoro sono già sbloccati, potendo spendere i loro introiti in un colpo solo. Per non dire degli 1,88 milioni che percepiscono meno di 500 euro al mese, sbloccatissimi. Nella categoria degli sbloccati rientrano pure i lavoratori dipendenti che aspettano il rinnovo del contratto da diversi anni e gli 1,2 milioni di lavoratori in cassa integrazione. Dei disoccupati, nemmeno a parlarne, va da sé che sono liberi come l'aria.
I bloccati, per Renzi, sono piuttosto quelli che si muovono con qualche decina di migliaia di euro in capienti tasche e fino a oggi dovevano centellinare le spese a mille euro per volta, a meno di non passare sotto le forche caudine di una carta di credito.
Italia ridens.

Link:

I segnali di ripresa

Il mostro di Firenze

Timeo danaos et dona ferentes



Nessun commento:

Posta un commento