.

.

martedì 17 novembre 2015

Pillole: Curzio Malaparte, Kaputt (3)

Ante Pavelic sollevò il coperchio del paniere e mostrando quei frutti di mare, quella massa viscida e gelatinosa di ostriche,
disse sorridendo, con quel suo sorriso buono e stanco: è un regalo dei miei fedeli ustascia: sono venti chili di occhi umani.
Curzio Malaparte, Kaputt

Pillole: Curzio Malaparte, Kaputt (2)

Pillole: Erich Maria Remarque, Niente di nuovo sul fronte occidentale (2)

Pillole: Tolstoj, I racconti di Sebastopoli (1)

Nessun commento:

Posta un commento