.

.

giovedì 25 febbraio 2016

L'usufruttuario di Palazzo Chigi

Il travagliato iter del decreto sulle unioni civili ci consegna una piccola grande verità. No, non che le leggi debbano passare
il vaglio della CEI per essere approvate. Quello lo sapevamo già. Ci dice piuttosto che se c'è uno che in Italia può dormire sonni tranquilli, questo è Matteo Renzi. Con un'opposizione come quella del M5S, possiamo anche smettere di chiamarlo l'inquilino di Palazzo Chigi e passare a un più appropriato "usufruttuario di Palazzo Chigi".
Anche se, dopo aver sistemato amici e collaboratori fiorentini nei posti chiave dello stato, portasse a capo dei ministeri i funzionari del comune di Firenze e mettesse i compagni di classe ai vertici delle aziende di stato, anche se nominasse la nonna a capo dell'autority per la privacy, il M5S si inventerebbe la strategia giusta per farlo passare comunque da grande statista. E anche nell'ipotesi che i suoi rappresentanti finissero in carcere al ritmo di uno al giorno, evenienza che non si può escludere, visti i figuri all'opera nei backstage delle primarie, il Partito Democratico potrebbe continuare a governare in tutta tranquillità anche da dietro le sbarre.
Personalmente non mi stupirei se in camera da letto Renzi tenesse un poster di Grillo e Casaleggio e ogni sera prima di dormire indirizzasse verso di loro un pensiero di ringraziamento per averlo fatto arrivare dov'è e per tutto ciò che continuano a fare per lui.


Link:

Abiura 2.0

Un impegno preciso

La satira spiegata ai grillini

Nessun commento:

Posta un commento