.

.

lunedì 1 febbraio 2016

Quando quelli come Adinolfi si presentano a un family day

Se fossi un buon cattolico, mi aspetterei di sentire una selva di fischi quando quelli come Adinolfi si presentano a un family day,
come è naturale che accada ogni qualvolta qualcuno pretende di salire in cattedra all'università, pur non avendo nemmeno i requisiti per essere ammesso al corso.
Perché quelli come Adinolfi, cioè i vari Casini, Berlusconi, Salvini, sono peccatori conclamati, avendo violato quello stesso sacramento in difesa del quale il family day è organizzato, cioè il matrimonio. «Quello dunque che Dio ha congiunto, l'uomo non lo separi» è scritto. Più chiaro di così.
Se fossi dunque un buon cattolico, mi aspetterei che quelli come Adinolfi se ne stessero a casa a meditare sui propri peccati, perché nulla hanno da insegnare o da spiegare a me che osservo quotidianamente tutti i precetti della religione, e mi urterebbe non poco vederli sul palco a ergersi a guide, quando sono piuttosto loro ad aver bisogno di una buona guida spirituale che li riporti sulla retta via, come mi urterebbe vedere un ladro che viene a spiegare il settimo comandamento a me che non ho mai rubato un centesimo a nessuno,
In verità, da buon cattolico, sarei anche un po' demoralizzato, perché se ci dobbiamo affidare a gente che vive nel peccato per essere rappresentati, se non riusciamo nemmeno a trovare un paio di leader monogami in grazia del Signore, significa che stiamo messi proprio male e tanto vale lasciar perdere.
Invece, quando quelli come Adinolfi si presentano a un family day, non solo li si lascia salire sul palco, ma li si accoglie addirittura con ovazioni.
Dunque, o quelli che stanno in piazza non sanno nemmeno loro cosa ci stanno a fare, oppure sono più peccatori di Adinolfi, e allora farebbero meglio a pensare a emendarsi per evitare di ritrovarsi da un momento all'altro all'inferno col rimpianto di aver trascurato la propria salvezza per occuparsi troppo degli altri.


Link:

Il Vangelo secondo Matteo

La Costituzione letta da Bagnasco

Nessun commento:

Posta un commento