.

.

giovedì 24 marzo 2016

I danni collaterali

I fatti sarebbero chiari. Che Arabia Saudita, Kuwait, Qatar e EAU siano finanziatori dell'Isis è assodato,
come pure assodato è che l'Arabia Saudita e le monarchie del Golfo finanziano da decenni una ramificata rete mondiale di moschee di orientamento wahabita, il più radicale dell'Islam sunnita, nelle quali non a caso si sono formati i terroristi islamici. Tale opera di proselitismo si è svolta non solo senza alcun contrasto da parte dei governi occidentali, ma anzi con la loro interessata accondiscendenza. Fulvio Scaglione in un post interessante ricorda il caso esemplare dello stesso Belgio.
Eppure all'indomani degli attentati dei Bruxelles, le più autorevoli firme dei principali quotidiani sembrano ignorare questi fatti, discettano di coalizioni anticaliffato e del modo più efficace per tagliare la testa al mostro dell'Isis, come se non capissero che morto un Bin Laden si fa un Al Baghdadi, e morto un Al Baghdadi ne spunterà un altro.
Unica eccezione il post di Lucia Annunziata, che a proposito di questi stati scrive: "Sappiamo chi sono. Sono nostri alleati, ufficialmente. Ma questa ambiguità diplomatica va rotta. Il costo è alto, e non solo in termini di affari". Il fatto stesso, però, che la giornalista non faccia i nomi lascia intendere la delicatezza della questione.
Uscire da "questa ambiguità diplomatica", infatti, significherebbe per i governi occidentali dover additare l'Arabia Saudita e le monarchie del Golfo come responsabili materiali e morali del dilagare dell'estremismo islamico e agire di conseguenza.
Sennonché, se su un piatto ci sono le vittime degli attentati di Bruxelles, di Parigi e di quelli che verranno, nonché le migliaia di profughi siriani, sull'altro ci sono proficue relazioni commerciali, e dalla furia con cui ci si azzuffa per i Rolex, si capisce da quale parte pende la bilancia.
Al netto dei fiumi di retorica che scorrono in questi casi, quindi, le vittime innocenti sono destinate a essere derubricate come danni collaterali, dolorosi quanto si vuole, ma non abbastanza da incidere sugli affari.


Link:

La prima rissa mondiale

I nostri amici sauditi

Due facce della stessa medaglia (d'ipocrisia)

Nessun commento:

Posta un commento