.

.

sabato 12 marzo 2016

Oh D'Alema, D'Alema, perché sei tu D'Alema?!

D'Alema ha ragione. Definire arroganti Renzi e il suo circolo non è una bestemmia. Del resto, non mi pare che nessuno,
nemmeno tra i suoi massimi estimatori, abbia mai usato l'aggettivo umile riferito al premier. Né può essere considerata un'eresia affermare che con Verdini e Alfano si perde. Anzi, visto da sinistra, mi sembrerebbe pure preferibile perdere, piuttosto che vincere insieme a loro. Visto da sinistra, certo.
D'Alema ha torto, perché è D'Alema. Nemmeno per lui, infatti, nessuno ha mai impiegato l'aggettivo umile, né si può dire che il suo secondo governo fosse sostenuto da elementi molto migliori di Verdini e Alfano.
Ma D'Alema ha commesso un errore. Si è dimenticato di essere D'Alema, perché se D'Alema vuole nuocere a qualcuno deve sostenerlo. Attaccandolo, come si può vedere, ottiene l'effetto contrario.


Link:

Laudato si'

Il training dell'elettore PD

Il mostro di Firenze

3 commenti:

  1. sarebbe interessante sapere cosa intende il fiorentino per sinistra.

    RispondiElimina
  2. sarebbe interessante sapere cosa intende il fiorentino per sinistra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo bisognerebbe chiederlo a lui, ma la mia impressione è che sia una specie di specchietto per le allodole.

      Elimina