.

.

martedì 8 marzo 2016

Pillole: Carlo Emilio Gadda, La cognizione del dolore (3)

La virtù stessa ci si mette, con le sue grinfie e i suoi esorcismi di strega. Questo è proibito dirlo! Perché è proibito farlo! Perché la virtù sincazza!
E ti strozza: la santa e sadica megera chell’è. Donde la benemerita e non mai a bastanza elodiata categoria degli storiografi moraloni che raddrizzano le gambe a cani, che trasformano il passato a cose fatte (après coup) raccontando giusto giusto il contrario di quel che accadde, perché a riferire laccaduto vero si perde il posto di storiografo: o si lascia la capa nel cestello: dans le panier.
Carlo Emilio Gadda, La cognizione del dolore


Pillole: Carlo Emilio Gadda, La cognizione del dolore (2)

Pillole: Carlo Emilio Gadda, Eros e Priapo (1)

Pillole: Carlo Emilio Gadda, Quer pasticciaccio brutto di via Merulana (2)

Nessun commento:

Posta un commento