.

.

lunedì 11 aprile 2016

I guardiani della rivoluzione

A ben vedere, l'ostia grillina si commenta da sola, rientrando in quelle manifestazioni in cui politica e buffonaggine fanno un tutt'uno,
ma ciò passa in secondo piano di fronte alla reazione di alcuni autorevoli esponenti del PD renziano, che, più clericali del clero, evocano addirittura la blasfemia. 
Vestendo i panni dei "guardiani della rivoluzione", gli ultimi eredi del partito un tempo scomunicato superano brillantemente la soglia del ridicolo. Pur non provenendo dall'avanspettacolo, Guerini & Co. dimostrano che è possibile battere Grillo sul suo stesso campo. Quello della barzelletta.
Che dire... da neoconsumatori di oppio dei popoli, farebbero bene a stare almeno attenti alle dosi.

Link:

Nessun commento:

Posta un commento