.

.

martedì 10 maggio 2016

La logica della Boschi

La Boschi dice che siccome quelli dell'ANPI voteranno no al referendum costituzionale così come voteranno no quelli di Casa Pound,
allora quelli dell'ANPI sono come quelli di Casa Pound. Dice proprio così, e lo ripete pure, forse per evitare che qualcuno possa liquidarla come un'occasionale cazzata dal sen fuggita.
1) O la Boschi non conosce la storia, perché se la conoscesse, saprebbe che un simile accostamento, anche nel ragionar per paradossi, non offende soltanto quelli dell'ANPI, ma offende anche la memoria delle migliaia di persone che essi rappresentano. 2) Oppure è in malafede. Sa benissimo di fare un accostamento abietto, ma lo fa lo stesso pensando di portare acqua al suo mulino. 3) Oppure ancora ha qualche problema con la logica, poiché non basta un elemento in comune per rendere due soggetti simili, e nemmeno somiglianti, e nemmeno vagamente somiglianti. Per parlare di somiglianza ci vuole comunanza di vedute, frequentazione costante e considerazione reciproca, come lei con Verdini, per esempio.
Non trascurerei però una quarta possibilità, e cioè che le tre sopra elencate non si escludano, ma si sommino.

P.S. Per chi non l'avesse già vista in rete, l'immagine è un fotomontaggio che descrive l'evoluzione renziana de L'Unità, ma che all'occasione torna utile per descrivere anche il capovolgimento dei fatti operato dalla ministra.


Link:

I poteri forti contro il governo

Il nuovo che avanza

L'emendamento della discordia

Nessun commento:

Posta un commento