.

.

lunedì 25 luglio 2016

Pillole: Irene Nemirovsky, I cani e i lupi (2)

Avevano scelto quella zona per l'aria pura che vi si respirava, ma soprattutto perché in Russia, all'inizio del secolo,
sotto il regno di Nicola II, la presenza degli ebrei era tollerata solo in determinate città, e in certi rioni, in certe strade, a volte su un solo lato della via, mentre l'altro restava loro proibito. Tuttavia, i divieti esistevano solamente per i poveri: era noto che allungando un po' di denaro sottobanco era possibile aggirare le norme più severe.
Irene Nemirovsky, I cani e i lupi


Pillole: Irene Nemirovsky, I cani e i lupi (1)

Pillole: Tolstoj, I racconti di Sebastopoli (1)

Pillole: Gogol, Il diario di un pazzo

Nessun commento:

Posta un commento