.

.

venerdì 7 ottobre 2016

A volte bisogna dare a Dio anche quel che è di Cesare

Non ho verificato i profili Twitter dei diretti interessati, ma è probabile, anzi quasi certo, che dopo l'assoluzione di Marino interverranno - se non sono già intervenuti - sulla vicenda nella quale
ebbero a suo tempo un ruolo di primo piano con messaggi del seguente tenore:

Orfini: "Mi hanno dato l'incarico di cacciarlo e credo di averlo eseguito nel migliore dei modi".
Renzi: "Innocente o colpevole non me ne frega un c. Avevo deciso di cacciarlo e l'avrei cacciato in ogni caso".
Grillo: "Sugli indagati non facciamo sconti, nemmeno se sono del M5S. A meno che non ci stiano simpatici come la Muraro".
Raggi: "Sì, lo so, non è stato corretto attaccarlo, però certe occasioni ti capitano una sola volta nella vita".
Papa Francesco: "Cari fratelli, a volte bisogna dare a Dio anche quel che è di Cesare."


Link:

L'insolita loquacità dei ristoratori romani

A Roma un sindaco il PD ce l'aveva già

Cadere dalle nuvole

Nessun commento:

Posta un commento