.

.

sabato 29 ottobre 2016

Pillole: George Orwell, Omaggio alla Catalogna (8)

Col mio congedo in tasca mi sentivo nuovamente un essere umano, ed anche un po' un turista. Quasi per la prima volta sentivo di essere in Spagna,
in un paese che per tutta la vita avevo desiderato di visitare. Per le tranquille viuzze di Lerida e di Barbastro mi sembrava di cogliere un rapido scorcio, una specie di eco lontana della Spagna che si ritrova nell'immaginazione di ognuno. Sierre bianche, gregge, segrete della Inquisizione, palazzi moreschi, neri cortei serpeggianti di muli, grigi uliveti e boschetti di limoni, fanciulle in nere mantiglie, vini di Malaga e Alicante, cattedrali, cardinali, tauromachie, zingari, serenate: insomma, la Spagna.
George Orwell, Omaggio alla Catalogna



George Orwell, Omaggio alla Catalogna (7)

Melville, Mobydick (5)

Dostoevskij, Memorie del sottosuolo (1)

Nessun commento:

Posta un commento