.

.

sabato 21 gennaio 2017

Salvinaggio

Vorrei spezzare una lancia a favore dello sciacallo. No, non a favore di Salvini. Intendo lo sciacallo proprio come animale.
Non c'è dubbio, infatti, che a lungo andare questo continuo accostamento a Salvini rischia di nuocere alla sua reputazione. Ormai cerchi "sciacallo" su internet e ti compare la faccia di Salvini.
È vero che lo sciacallo si nutre di carogne, e questo ha contribuito a fare di lui un animale oggetto di disprezzo, ma, a differenza di Salvini, non "vive" solo di carogne. È anche un predatore e nel suo habitat dà un contributo importante all'equilibrio dell'ecosistema. È un animale che ha un senso forte della solidarietà (cosa che Salvini non sa nemmeno dove sta di casa) e una sua dignità (che gli impedirebbe di presentarsi con i doposci in uno studio televisivo dopo una sciagura provocata da una valanga), tanto che gli antichi egizi ne avevano fatto una divinità posta a guardia del regno dei morti.
È improprio, dunque, usare il termine di sciacallaggio per definire le uscite di Salvini. Tutt'al più, potrebbero essere gli etologi a definire salvinaggio qualche comportamento dello sciacallo assimilabile a quello di Salvini.


Link:

Prima i nostri, cioè i loro

Bella la giornata della memoria

Mettiamo che domani un nuovo Hitler

Nessun commento:

Posta un commento