.

.

giovedì 9 febbraio 2017

Messaggio per i lavoratori dal Teatro Ariston

Le assenze dei lavoratori dipendenti del settore pubblico costano una cifra stimata intorno ai dieci miliardi di euro l'anno. Non l'assenteismo, come erroneamente scrivono alcuni giornali,


a cominciare da Il Tempo (peraltro proprietà del parlamentare più assenteista di questa legislatura, e pure della precedente). In realtà, l'assenteismo, cioè l'assenza dovuta a falsa malattia, rappresenta una percentuale di questi dieci miliardi.
Il Sole 24ore stima tale cifra in circa 3 miliardi di euro annuali, sebbene non si capisca come sia stato effettuato il calcolo, visto che il tasso di assenteismo dei lavoratori dipendenti sta nella media europea e il 30% di certificati che attestino il falso sembra obiettivamente eccessivo (né, tanto meno, si capisce, se a Il Sole 24ore sono così bravi nelle stime, come abbiano fatto ad accumulare 300 milioni di debiti). Ma anche a voler prendere per buona questa stima, il danno per l'Erario equivarrebbe a un trentesimo di quello provocato dall'evasione fiscale, stimata in circa 120 miliardi di euro, cioè un miliardo di euro ogni tre giorni.
Eppure sembra che l'impegno messo dal governo nel combattere l'assenteismo sia trenta volte maggiore di quello messo nella lotta all'evasione fiscale. Dopo che nel 2015 le verifiche fiscali sono scese del 4% rispetto all'anno precedente e del 16 rispetto al 2012, nel 2016 l'Agenzia delle Entrate ha deciso di concentrarsi sui grandi evasori al fine di evitare "uno spreco di energie", nonché "comportamenti arroganti e vessatori". Tutto ciò premesso che, secondo la relazione della Corte dei Conti dell'anno scorso, le possibilità di incappare in un accertamento fiscale sono il 2,4%. Per la precisione un ristoratore può aspettarsene uno ogni 24 anni, un commercialista uno ogni 71 e un medico uno ogni 91 anni. Un lavoratore, invece, secondo gli inasprimenti previsti dal Decreto Madia, deve attendersi più di un controllo nell'arco di una settimana di malattia.
La strategia è chiara. I lavoratori devono essere intimoriti, devono essere tenuti sotto scacco e stare sulla difensiva. Devono smetterla di rivendicare diritti, ma accontentarsi di quel che hanno, anzi devono sentirsi dei privilegiati per il fatto stesso di rientrare in quanto previsto dall'articolo I della Costituzione. Non a caso in tre anni Renzi non ha mai perso l'occasione per dare addosso ai sindacati.
Così, con la volenterosa collaborazione dei media, qualche decina di casi eclatanti sono stati trasformati in emergenza nazionale. Ogni comportamento reprensibile è stato esposto al pubblico ludibrio. In tutte le edizioni dei tg abbiamo visto passare l'impiegato che firma il cartellino in mutande, ma nessuno sa che faccia abbiano gli 8500 evasori totali scovati nel 2015. Striscia la notizia (dove evidentemente non è richiesto uno specchiato curriculum fiscale per acquisire la patente di moralista) è andata a trovare a più riprese un vigile che timbrava il cartellino e se ne andava a casa, ma non risulta che abbia mai rincorso un evasore in Ferrari (forse immaginando quale avrebbe potuto essere la sua replica).
Quale momento migliore, allora, per completare l'opera di martellamento, di quello nel quale la maggioranza degli italiani è raccolta con la bocca spalancata davanti alla tv? Sul palco del Teatro Ariston viene quindi chiamato il dipendente modello, che in 40 anni non si è mai assentato un giorno e che se n'è andato in pensione lasciando pure qualche centinaio di giorni di ferie non godute, per lanciare un appello ai suoi colleghi affinché si convertano allo stacanovismo, e ricorre proprio a quelle parole che racchiudono il processo in atto: chi lavora deve sentirsi un privilegiato.
Invitare gli italiani a pagare le tasse, invece, non è una cosa seria. L'incarico, dunque, l'ha assolto il comico la sera prima.

Link:

Bisognerebbe fare un monumento a Il Sole 24ore

Quando un mafioso si presenterà in banca per beneficiare della voluntary disclosure 2

L'obiezione di coscienza fiscale

Nessun commento:

Posta un commento