.

.

lunedì 20 marzo 2017

La ballata della fiducia cieca

Nella defenestrazione di Genova, più che la stessa defenestrazione, colpiscono i commenti. "Tradimento", "punto più basso mai toccato", "deriva settaria", ecc...


Tutte affermazioni che fanno un po' sorridere, molto somigliando la "novità" in questione alla scoperta dell'acqua calda.
Prima di essere il leader, infatti, Grillo è il proprietario. Non da adesso, ma da sempre. In quanto tale, può organizzare il suo partito secondo le regole che più gli aggradano, ma, codice civile alla mano, di tali regole può pure infischiarsene. Non si capisce, dunque, dove stia la sorpresa se ciò che ha fatto aveva facoltà di fare fin dal primo giorno.
Ma più di tutti fanno sorridere gli stessi defenestrati che in questi casi chiedono trasparenza. Ma santo Dio, verrebbe da rispondere alla maniera di Campanile, il calcio in culo non vi sembra abbastanza trasparente?
Forse, per sgombrare ulteriori dubbi,  Grillo riciclerà a breve la formula di qualche fortunato spot pubblicitario, tipo "M5S vuol dire fiducia" o, meglio ancora, "io a scatola chiusa voto solo M5S", poiché, a ben vedere, il voto al M5S questo è, un atto di fede.
Una fiducia che sta, per usare un termine caro agli stessi grillini, oltre. Oltre le regole. Come in un film americano, dove la spalla chiede al protagonista "dove stiamo andando?", e quello risponde brusco "ti devi fidare". Che poi significa che non hai scelta. Non puoi dire "no, non mi fido" o "no, non mi voglio fidare". O meglio, lo puoi pure dire, ma mettendo in conto di essere mandato a quel paese e defenestrato a tua volta.
Un domani, in qualità di capo del governo (per interposta persona, s'intende) potrebbe anche mettere il suo giardiniere ai vertici di un ente di stato o suo nipote a capo del ministero dell'Economia, dicendo semplicemente "vi dovete fidare", mentre al militante grillino nessun'altra facoltà rimane, se non intonare una lode ai meriti e al valore di Grillo. Una specie di ballata della fiducia cieca, parafrasando il titolo di una canzone di un suo noto conterraneo.

Link:

Il francescano del terzo millennio

La cartolina di Natale di Grillo

Nessun commento:

Posta un commento